Home Page - Trentini Mauro Pittore

TRENTINI MAURO OFFICIAL HOME PAGE

Vai ai contenuti
BIOGRAFIA TRENTINI
L’esperienza artistica di Mauro Trentini comincia fin dai primi anni della scuola elementare, vissuti
a Cologna, un piccolo paese sul Po in provincia di Ferrara, luogo in cui è anche nato il 02 febbraio
1962. La predisposizione naturale per la pittura fu notata dagli insegnanti delle scuole frequentate
dall’artista che lo spronavano verso una continua ricerca ed elaborazione delle tecniche e dei temi
dell’arte. Ed è proprio questa prima impronta, questo primo orientamento, che caratterizzeranno lo
sviluppo intellettuale del pittore, infatti il suo percorso artistico è caratterizzato da fasi alterne di
espressione pittorica e studio, anche prolungato, dell’arte e dei suoi grandi maestri.
La fase giovanile della sua esperienza si conclude poco dopo i vent’anni, quando aveva già
conquistato con le sue opere un certo pubblico ed una buona notorietà, che gli permisero di
presentare il suo talento in mostre e personali.
Gli anni successivi furono caratterizzati da una continua ed incessante ricerca della propria
personalità artistica, ma che non si tradusse in espressione figurativa di alcun genere.
L’analisi introspettiva lo portarono a conoscere e misurarsi con i grandi maestri del novecento ed il
quadro “L’infinito” è un chiaro omaggio a De Chirico.
L’incessante ricerca produsse un nuovo periodo di lavoro che cominciò alla fine del 2006 e che
determinò una notevole produzione di tele.
Trentini in questo periodo scopre la sua forma espressiva, la quale tuttavia non lo caratterizza in una
propria peculiarità artistica, ma lo identifica nelle tematiche ispiratrici.
L’artista conserva la continua ricerca degli anni giovanili, ma con opere più mature esprime il suo
esistenziali o con forme pittoriche diverse dalle quali comunque scaturisce il messaggio di una
visione della sofferenza esistenziale.
L’opera “Ricordi” evidenzia tutta la durezza dell’esistenza: lo sfondo nero, due file di alberi che
sembrano voler identificare una strada coperta dal ghiaccio, espresso con un freddo azzurro appena
trasformato in bianco da un sole surreale i cui raggi, non liberi, sembrano piegati o imprigionati da
una forza metallica che impedisce anche alla luce di essere bianca e si disgrega in colori dalle
tonalità fredde.
La singolarità di questa opera si contrappone nella forma espressiva ad una altra, emblematica nel
suo sviluppo e, se vogliamo, stilisticamente opposta a quella prima presentata; si tratta di
“L’impronta del tempo” dove lo spettatore, posto davanti ad una finestra i cui contorni stilistici
veneziani riecheggiano un passato lontano, contempla un tramonto apparentemente tranquillo e
romantico, ma che sottende un’impetuosità o un turbinio prossimi, resi dal movimento dall’alto
verso il basso delle tinte che si fanno sempre più tendenti allo scuro nella parte centrale.
Un foglio trattato con il bianco ed il nero, dove è dipinta una mano scheletrica e surreale, sembra
portato dal vento al lato sinistro della finestra e accentua l’originalità espressiva dell’artista.
Mauro Trentini dal 2006 ha ormai prodotto un consistente numero di opere il cui valore è
continuamente apprezzato nelle numerose manifestazioni artistiche e mostre alle quale è
continuamente invitato a partecipare.
I numerosi impegni, tuttavia, non gli impediscono di continuare la sua ricerca creativa e stilistica
che lo fanno uno degli artisti più originali e d’avanguardia di questo inizio di terzo millennio.


TRENTINI MAURO.
IL CRITICO D'ARTE PRESENTA IL SUO LIBRO E INAUGURA UNA MOSTRA DI
ARTISTI "SDOGANATI"
      
                                                                                                                                                                          Opera alla presentazione
                                                                                                                                                                 Occhio olio su tela (80x100)  anno 2013
Porto Franco, Trentini Mauro tra gli artisti sdoganati da Vittorio Sgarbi
Un altro prezioso riconoscimento per il pittore Trentini Mauro, che mercoledì due luglio sarà presente a Palermo in occasione della presentazione ufficiale del libro “Porto Franco. Gli artisti sdoganati da Sgarbi”    (EA Editore) un corposo volume che raccoglie le opere (con relativo corredo critico) degli artisti scelti dal critico Prof. Vittorio Sgarbi      La presentazione è in programma alle ore 18,00 a Villa Castelnuovo (viale del Fante, 66 - Palermo) alla presenza di Vittorio Sgarbi, del Capo di Gabinetto dell'Assessore ai Beni culturali e dell'Identità siciliana della Regione Sicilia, Antonino Grasso, dell'editore Sandro Serradifalco, del Consulente editoriale Serena Carlino, del Consulente artistico Francesco Russo e di Marcello Tricoli. Oltre al volume sarà inaugurata la mostra degli artisti recensiti da Sgarbi, che resterà aperta al pubblico fino al 5 luglio 2014.

Created with Mauro Trentini
TRENTINI MAURO   http://www.trentinimauro.it/  info@trentinimauro.it    
Copyright © 2008 - 2019 di Trentini Mauro Tutti i Diritti Riservati.  

Copyright © 2008 Mauro Trentini | Designed by Mauro Trentini 2008 XHTML & CSS

Torna ai contenuti